Tu sei qui

Come Funziona il climatizzatore

Come funziona il climatizzatore dell'auto

L'Aria Condizionata in Auto

Per viaggiare sempre con il massimo comfort


Il funzionamento di un impianto di climatizzazione sfrutta un principio di base: "quando un liquido diventa gas, assorbe del calore; quando un gas diventa un liquido egli libera del calore". Quindi a discapito di quanto si pensi, il condizionatore dell'auto non produce aria fredda, ma di fatto sottrare l'aria calda dall'abitacolo rinfrescando l'ambiente.  

Gli elementi fondamentali del sistema di climatizzazione sono:

  • Il Condensatore
  • La Valvola di espansione
  • L'Evaporatore
  • Il Compressore
  • Il Filtro Essiccatore
  • Il Centralina Elettronica di Gestione.

 

La centralina elettronica e l’evaporatore sono interni all’abitacolo mentre gli altri componenti (circuito del freddo) si trovano nel vano motore. All’interno del circuito del freddo c’è il gas refrigerante che circolando nell’impianto e trovandosi a contatto con l’aria svolge l’azione di sottrarre e trasportare il calore dall’interno all’esterno della vettura

 

Schema di funzionamento:

 

 

Il compressore, trascinato dal motore, ha il compito di comprimere il gas refrigerante portandolo da 1 bar a 16 bar circa; il gas così compresso passa attraverso il condensatore, condensa e cede calore all’esterno. Il gas condensato e ad alta pressione viene fatto passare attraverso la valvola di espansione nella quale il liquido espandendosi, si raffredda portandosi da una temperatura di circa 60°C ad una temperatura di -20°C e riducendo la pressione dai 16 bar ad 1 bar. Il liquido così freddo è in grado, passando attraverso l’evaporatore e ritrasformato in gas, di assorbire calore dall’aria dell’abitacolo. Uscito dall’evaporatore il gas torna nel compressore dove ricomincia il ciclo fino al disinserimento del climatizzatore.

 

Tipologia di Condizionatori

Il climatizzatore impiegato nelle auto può essere essenzialmente di due tipi:

 

  • Manuale

Il livello di temperatura e umidità all’interno del veicolo viene controllato manualmente mediante tasti e manopole dall’utilizzatore, mentre le alette per il convogliamento dell’aria vengono regolate mediante tiranti flessibili. L’impostazione ariafresca/ricircolo viene comandata elettricamente ed il ricircolo è a regolazione meccanica mediante manopola. Tale sistema presenta lo svantaggio di raggiungere con difficoltà le condizioni desiderate di temperatura e umidità.
 
  • Automatico
In questo caso all’utilizzatore è richiesta solamente l’impostazione della temperatura e del livello di umidità desiderato; sarà poi il sistema a raggiungere in autonomia, mediante regolazione automatica attraverso una centralina di comando (regolazione della temperatura e della portata d’aria) tali parametri; dei sensori individuano la temperatura nell’abitacolo, un elaboratorecompara quest’ultima con la temperatura che è stata richiesta e i flussi d’aria calda o fredda sono controllati di conseguenza. Questo tipo di sistema permette di avere una temperatura costante nell’abitacolo e l’aria fresca/ricircolo nonché la valvola di accumulo, vengono movimentati da un unico attuatore elettrico.

 

 

Tipologia di Gas Refrigerante

Altra caratteristica fondamentale di un impianto di climatizzazione è il gas refrigerante utilizzato per il suo funzionamento. Fino al 2006 il gas utilizzato in modo quasi esclusivo era l'R134A, ma nel 2006 la Commissione Europea ha stabilito che questo tipo di gas fosse troppo nocivo per l'ambiente e che dovesse essere sostituito con un gas meno inquinante.

Questo perchè il gas R134A ha un valore di GWP (Global Warning Potential) pari a 1430, che superava nettamente il valore consentito che era pari a 150 GWP. Di conseguenza la stessa Commesione Europea ha stabilito dei limiti molto più stringenti, incentivando così la produzione di un nuovo gas l'R1234YF che ha valori GWP estremamente più bassi del suo predecessore, in quanto ha la caratterstica di dissolversi più rapidamente nell'atmosfera, così da non provocare danni allo strato di ozono che circonda il nostro pianeta.

Viste queste premesse, la Commissione Europea ha poi reso obbligatorio l'utilizzo del gas R1234YF sugli tutti impianti clima delle auto omologate dal 2011 o immatricolate a partire da 1° gennaio 2017, rendendo di fatto utilizzabile il gas R134A solo sulle vetture prodotte prima di tale data.

Ma le differenze tra questi 2 gas non si limita solo a fattori di tipo ecologico, ma coinvolgono, e di molto, l'aspetto economico. Infatti una ricarica dell'impianto clima con il gas R1234YF ha un costo nettamente superiore a quello del gas R134A, anche se negli anni questi differenza che inizialmente poteva essere misurata anche con un x10 di maggior costo per ogni ricarica, è andata lentamente assottigliandosi, grazie alla sempre maggiore disponibilità sul mercato di questo gas. 

 


APPROFITTA DEL NOSTRO SERVIZIO

I tecnici delle “Officine Zito” sono certificati e formati per controllare e ricaricare il tuo impianto di climatizzazione. Possono effettuare la manutenzione generale dell'impianto di climatizzazione, verificare e ricaricare il gas e l'olio del compressore di raffreddamento, testare l'efficacia generale del dispositivo e applicare, ove necessario, un trattamento antibatterico.

Fissa un appuntamento
 
 
Officine Zito, il punto di riferimento a Napoli per l'aria condizionata nella tua auto.

 

 

 

Verifica regolarmente lo stato del Filtro Abitacolo della tua auto. Un filtro eccessivamente sporco, riduce notevolmente l'afflusso dell'aria all'evaporatore, rendendo scadente il livello di condizionamento dell'aria .

indietro

CONTATTACI PER UN CHECK-UP GRATUITO!

I nostri tecnici sono a tua disposizione per verificare lo stato di salute del tuo veicolo
e darti tutto il supporto di cui hai bisogno!

USUFRUISCI GRATUITAMENTE DEI NOSTRI SERVIZI PLUS

Eleva la qualità del tuo veicolo mettendolo al centro di una gamma di servizi gratuiti
a garanzia dell’efficienza e del risparmio.